Fermarsi per ri-partire. Lo abbiamo fatto. Ora la sfida è più complessa, soprattutto sotto l’aspetto personale.

Viviamo costantemente con la paura della solitudine e in una società in cui si evita ad ogni costo di ritrovarsi soli, una pandemia lascia tutti in compagnia di se stessi. Penso che l’incontro del proprio sé spaventa la maggior parte degli individui.

Mi sono reso conto (sia attraverso i social network che nei piccoli incontri avuti grazie alla FASE2) che cerchiamo di fuggire dal proprio IO anzichè ricercarlo. Questo ci porta a fuggire dalla vita reale, dal valore delle piccole cose e da noi stessi.

Questa solitudine forzata è stata una opportunità. Lasciamo che la nostra anima ci parli. Facciamoci questo regalo.

buon nuovo giorno.